La felicità

La felicità per me è una cosa sottile sottile.
Oggi abbiamo portato prima Nina a scuola per l’ultimo anno di materna. Poi verso le 11 siamo tornati con Lilla per l’inserimento al suo primo giorno nella stessa scuola della sorella. Si è aggirata per un po’ con le spallucce chine nella nuova classe, si è incollata alla mia coscia, lei che mi scappa sempre via, ha ignorato i tentativi di socializzare della maestra, lei che ci mette due secondi ad affibbiare soprannomi agli adulti…
Poi le abbiamo detto: "andiamo in giardino a vedere se c’è Nina". Siamo usciti in giardino, Lilla ha visto Nina, ed è scappata per correrle incontro. Nina l’ha vista, è scesa dallo scivolo, ha mollato le sue amichette, è corsa incontro alla sorella, l’ha presa per mano e non l’ha più lasciata.
Siamo andati via poco dopo.
E dietro gli occhiali da sole per non farmi vedere, io piangevo. Felice. Felicissima. Non capita spesso che la vita sia proprio come l’avevi sognata.

Annunci

12 thoughts on “La felicità

  1. Che emozioni (anche se il primo giorno di asilo Vale ha pianto e ha continuato a farlo sino a dicembre), vederli la prima volta col grembiulino fa un effetto stranissimo e bellissimo, tanti splendidi omini e donnine!

  2. Forse è stata la malattia ma anche io mi rendo conto di apprezzare tantissimo le piccole cose della vita, di sentirle con un cuore diverso.
    E la scena che hai raccontato è bellissima e io sono felice per te…

  3. @tinkie: eh si. uno si sente così scemo a guardarli andare via ed è insieme così bello!

    @dangerousmind: sniff…dai su non mi provocate, sennò non la pianto più di versare lacrimucce felici!

    @4P: hai detto bene, coalizzate, naturalmente. per il nostro futuro questa è la cosa più bella che abbiamo costruito, quella che mi dà più serenità anche nei momenti di maggior sconforto. le tue paturniette sono rientrate? non farmi stare in pensiero, eh!

    @cautelosa: eh si che ne avrai viste di scenette così nel tuo lavoro, vero? eppure penso faccia sempre tenerezza. oddio, più che intenerite le maestre erano sollevate che avessero reso l’inserimento più semplice 😉

    @camden: eh si, continuavo a ripetere ieri “gli altri che ne sanno”…non è corretto, perché ogni mamma si emoziona, ma per noi sono emozioni diverse, magari più dolorose, ma più profonde anche. tutto lo viviamo in maniera più travolgente.

  4. Paturniette rientrate.
    Si dice, di solito, che chiodo scaccia chiodo, ma cazzo non così.
    E’ da qualche tempo che mio cognato, fratello di mio marito, non sta gran che bene con lo stomaco.
    Fatta la gastro venerdì mattina hanno subito chiamato il chirurgo, perchè purtroppo c’è qualcosa che non va.
    Sabato e domenica siamo stati in campagna insieme, abbiamo trascorso due belle giornate.
    Certo, ogni tanto ne parlavamo, ma sempre con l’attesa e la speranza in ogni parola che dicevamo.
    Lui no, è il tipo che il bicchiere lo vede vuoto, quasi mai pieno.
    Gli voglio un gran bene, da sempre.
    Aspettiamo il 23 sett. per l’esito completo, poi si vedrà.
    Un abbraccio
    4P

  5. Mi commuovono sempre queste storie di nane…le mie stanno passando un periodo di odio-amore, si cercano ma quando poi sono insieme si azzuffano…però mi dicono sempre che è bellissimo avere una sorella. Un bacione alla tua tribù.

  6. @juliaset: anche le mie di nane si azzuffavano fino all’altroieri, poi da quando è cominciata la scuola, sono inseparabili. anche troppo. una piccola coalizione con l’obiettivo di malandrinare ovunque

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...