La regola dell'altalena

La prima volta il risultato è angosciante. La seconda ti rincuora. La terza volta è di nuovo preoccupante. Quella successiva, leggermente migliore. La volta dopo, quasi stabile. Ma la volta dopo ancora, niente di buono. Altri tre mesi e il risultato è allarmante. Tre mesi dopo, rialzi la testa con un briciolo di speranza. Passano altri tre mesi e riabbassi la testa, cercando l’equilibrio per non abbatterti. Tre mesi e la speranza si riaffaccia. Ancora tre mesi e di nuovo uno schiaffo.
Non so voi, ma da piccola potevo passare ore sull’altalena. Così proprio non me l’aspettavo quando l’ho provata da adulta e mi è venuta la nausea.
Le mie TAC vanno allo stesso modo.
Se vi ricordate com’era andata tre mesi fa, ormai avrete capito com’è andata ieri.

Annunci

21 thoughts on “La regola dell'altalena

  1. Ho la nausea anch'io. Ti leggo da qualche tempo, e ho scoperto che in qualche modo sono salita su questa strana altalena con te; oggi sono qui, che ti mando un abbraccio e spero con tutte le mie forze che nella curva discendente questa tac sia andata solo leggerissimamente peggio.Raf

  2. Capito, sì. Ma la regola dell'altalena ci dice che la prossima andrà meglio. E quindi avanti, su e giù, ma sempre avanti. Ma che fatica! Bacio bimba bella. Milva

  3. Ciao Wide,mi dispiace leggere queste tue parole :-(Mi aggiungo a quanto già scritto in altri commenti(se altalena deve essere che sia, soprattuttoin previsione della prossima TAC).Faccio fatica ad aggiungere altro, non solo per un imbarazzo cheprovo nel cercare parole di sostegno che lascianoil tempo che trovano, ma anche per un banale problematecnico: ho lo schermo del PC quasi del tutto oscurato(problemi alla retroilluminazione) e in agosto riparazioni nel centro assistenza Mediaworld non ne fanno.Attendo settembre per vedere di nuovo tutto più chiaro,sotto una rinnovata luce che accomuni i led del portatile maramaldoe i post di una grandissima donna ๐Ÿ˜‰ 

  4. un abbraccio e sto già scaldando i muscoli per la prossima spinta.Stringi e denti bella donna e vedrai che non è poi così nera. almeno me lo auguro, ci spero, te lo auguro, me la sto cantando tutta

  5. NO NO NO NO NO!!! Quale altalena??!!! è come andare in montagna che il sentiero sale sale sale e poi – porca paletta – scende un pò e già pensi ummarò ma questa la debbo risalire poi!! ma quando risali (e fai una fatica!) ti accorgi che sei arrivata più in alto di prima e la cima è un pò più vicina. E non la guardi, la cima, perchè sennò ti passa la fantasia e torni indietro che se già stanca e non ci puoi pensare che c'è ancora tutta quella strada. Ma se non la guardi sai che comunque stai andando nella direzione giusta e che, quando penserai che davvero non ce la fai più, sarai arrivata.Ed il panorama sarà bellissimo!!!!Un grande abbraccio, grande donna!!!/graz 

  6. @mia: grazie cara. la tua prima spintarella mi ha tirato subito su l'altro giorno!@raf: ciao e molto piacere di conoscerti. grazie di stare un po' con me in questo strano parco giochi, per restare in metafora. e si, almeno per il momento sembra una curvina piccola piccola, grazie@ilmiope: ci sei ci sei, eccome!@milva: appunto, che fatica…però in effetti, dai, magari la prossima…@mammaoggilavora: giusto! infatti ora mi rimetto all'opera per fare che sia così…(ma in realtà non ci si ferma mai, è questo che a volte affatica)@moreno9000: mi hanno oscurato il nano!!!! come osanoooooo!!! ti sono vicina in questo momento difficile ๐Ÿ˜‰ (e ti abbraccio)@eleanorarroway: ma sapete che – me tapina – quando ho scritto questo post non ho capito che in effetti conteneva anche un buon auspicio per la prossima volta? meno male che ci siete voi!!@tinkie: e anche tu come lui, lo fai, eccome se lo fai!@camden: e io ti sorrido un po' più su, di già@mantiduzza: grazie mille e anche io ti abbraccio in corsa@aries: che estate, eh? ma almeno tu hai gli psicogatti, io nemmeno più quella consolazione…in effetti pensavo di rimediare a settembre, che dici mi mandi una cucciolata dei tuoi?@giorgi: speriamo, speriamo, speriamo (continua…) ๐Ÿ˜‰ un abbraccio. ormai sono assefuatta alla caisse!@ziacris: guarda pensavo poco fa, che forse questo andamento altalenante in effetti è una fortuna, perché non mi fa mai abbassare la guardia. certo, nell'immediato ogni volta è una botta, ma sulla lunga distanza forse è la cosa migliore…@graz: bellissima metafora graz , mi hai fatto ripensare a tutte quelle cime (beh, cimette dolomitiche) conquistate un passo dolorante dopo l'altro, pensando che non ce l'avrei mai fatta. bello bellissima immagine!ps. ora cerco la foto, ma dove?@sononera: che ricambio di cuore anche io@laura: sarò l'altalena più forte del mondo, promesso ๐Ÿ˜‰ grazie mille

  7. eh eh eh!!! lo vedi che sei una tipa in gamba??!!! non solo hai capito che ero io ma alla fine la foto l'hai trovata anche se io ho fatto del mio meglio per non farmi capire!!e sò contenta e sò!!!/graz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...