Sintesi

Faccio una breve sintesi del mio incontro con Mr. Clint TAC alla mano:
– le mie metastasi polmonari, nell'ultimo anno di chemioterapia continuativa, sono lentamente, ma inesorabilmente, raddoppiate;
– il fatto che adesso siano delle salsicette cancerose grosse il doppio di un anno fa, rende possibile fare una bella biopsia polmonare, o un bel BAL, per prenderne un pezzetto e capire se sto cancro che mi sono beccata sia mutato, visto che i farmaci li ho finiti tutti;
– una biopsia o un BAL non sono proprio delle cose simpaticissime da fare, e questo significa che il mio grado di nervosismo e di franco terrore è aumentato di parecchio nelle ultime ore;
– non aiuta la consapevolezza di aver passato un anno intero a ciucciarsi una infusione di chemioterapia a settimana, senza che sia servito a una emerita cippa (oh, certo, potrei essere morta se non avessi fatto chemioterapia SEMPRE da 3 anni, grazie di avermelo fatto notare, mi fa sentire molto meglio).
Questo in sintesi il quadro della situazione.
Tutto si fa ed essere pronti è tutto.
E noi siamo qui.

Annunci

47 thoughts on “Sintesi

  1. Brutte stronze di metastasi, mi viene voglia di sputargli.

    Che sfinimento, cocca mia, ci vuole rabbia e decisione e voglia per andare avanti così e spero che da quel che sento tra le righe, tu ce le abbia in abbondanza pure per il futuro.

    Un abbraccio,
    Mammamsterdam 

  2. Una biopsia o un BAL non sono cosa simpaticissime da fare, no per niente, MA potrebbero davvero aiutare a capire con che tipo di tumore abbiamo a che fare e fare in modo di scegliere terapie più mirate.
    Quando leggo cose che non mi piacciono vado sul tecnico però lo sai che ti abbraccio tanto tanto come sempre e tifo per te

  3. Prima di tutto un abbraccione e un bel bacio
    (lascivo o non lascivo, scegli tu).

    Poi seguo GinT nel commento "tecnico".
    Quando dici che hai finito tutti i farmaci è proprio vero
    o gli esami che farai servono a capire il tpo di tumore
    e una conseguente nuova terapia?

  4. @tutti: rispondo veloce a tutti un grazie gigante. senza entrare nella gratitudine individuale che provo per il vostro sostegno. aggiungo solo due cose: i farmaci per il tipo di tumore iniziale li ho veramente fatti tutti (in un caso ho anche ri-fatto il giro) per cui se non è mutata sta bestiola, sinceramente non so cosa potremmo inventarci. la seconda cosa che aggiungo, nano, è che ieri dopo l'incontro con mr.clint sono entrata in libreria e mi sono comprata le cosmicomiche, sentiti molto responsabile.
    un abbraccio a tutti!

  5. avevo aperto il blog per lasciare un commento al post sotto e dirti che al concerto di sufjan stevens ci vado anch'io, a bruxelles però (avevo già commentato una volta per ringraziarti di avermelo fatto scoprire, non so se ti ricordi). poi ho letto questo post e non mi è sembrato il caso. poi di nuovo ho pensato, perché no? quindi grazie di nuovo, e sappi che il 10 maggio ti penserò!
    a questo link puoi ascoltare un gruppo belga che a me piace molto e che secondo me potrebbe piacere anche a te. si può ascoltare tutto l'album gratis qui: http://knackfocus.rnews.be/nl/entertainment/muziek/cd-van-de-week/beluister-the-bear-that-wasn-t/article-1194669156953.htm#

  6. @francescabianca: hai fatto bene! e quando vado a casa me lo ascolto con piacere, dall'ufficio non posso fare molte cose 😉
    sono contenta di sapere che sarò anche un po' al concerto del 10 maggio insieme a te 🙂

  7. Ciao, ho letto oggi per la prima volta questo blog, tramite il tuo commento su "ero una brava mamma".
    Carissima, che dire oltre quello che hai già detto?
    Mi permetto se posso:
    ho vissuto la tua stessa sistuazione, ma da figlia( all'incirca 25 anni fa).
    La malattia di mia madre è sempre stata una cosa che ho fatto fatica ad accettare, perchè lei in prima persona non l'ha mai fatto, aveva una rabbia che anzichè usare per lottare il tumore manifestava e sfogava in ogni momento, con pianti di disperazione, noi forse eravamo piccoli per comprendere fino in fondo il suo dramma.
    Ora da madre capisco,
    ma da figlia avrei voluto vederla più sorridente verso la vita che comunque  le aveva regalato anche tante cose belle. 
    Lavoro tutti i giorni con persone che stanno male, e quello che mi da la forza ad aiutarli sono i sorrisi di speranza che i malati riescono a fare, senza la quale la vita stessa non avrebbe senso.
    Ti ringrazio per le parole così dense di vita che scrivi, sono quello di cui ha bisogno un figlio quando vede una madre star male. 
    Spero di non essere stata franintesa.
    Scusa se mi sono dilungata.
    In bocca al lupo, verrò a leggere altri post il prima possibile.
    Mamma ooh oo

  8. Ecco, accidenti a me, ieri sono stata presa dalle mie stupide cose e ho dimenticato di farmi sentire, o almeno di venire a leggere qui. E adesso vorrei solo dire tante parolacce a 'sto cancro di merda e abbracciare te forte forte guardandoti negli occhi. Ora concentrazione sulla mutazione. Deve essere mutato, e devono esserci altre cose da fare per te. Per te. Che amiamo immensamente.
    Giorgia

  9. Nella malattia è predominante il ritmo, l’ossessionante sinuosità che percepiamo nella successione degli eventi. Ma il ritmo non tollera cedevolezze, impone ad ognuno di noi di lottare per continuare a scandire il tempo.
    Del resto è la vita stessa che ci offre ostacoli e resistenze; sta a noi soccorrere ogni sorta di sopraffazione con dignità e volontà, per arrivare là, dove ci siamo prefissi di arrivare.
    Io credo da ciò che scrivi che tu sia una gran donna, e la grandezza è sempre un ottimo strumento di guarigione, e di salvazione.
    Perdonami l’intervento, forse inappropriato, ma non so liquidare un carico così importante con un solo abbraccio. E volevo esserci, nel mio piccolo.
    Con tanta stima

  10. Quando la malattia dilania il corpo e l'anima di chi la vive e di chi gli e' vicino amorevolmente, ci si sente impotenti, cosi' fragili di fronte a questa vita, che pone a volte sul suo cammino prove cosi' difficili; non mollare mai mi raccomando, poiche nessuno puo' calcolare il possibile! I medici fanno le loro diagnosi ma per quanto riguarda la prognosi….E' un incognita pure per loro………La voglia indomita di farcela, a volte li stupisce di come l'organismo umano puo' combattere , resistere e vincere !!! Un abbraccio grande da ARCOBALENO

  11. Lascio un commento, anche se non posso fare nulla di meglio che abbracciarti anch'io…e stare ancora più fortemente incrociata per te, per i tuoi esami, per le nuove cure, per tutto.Sei sempre nei miei pensieri…:-*

  12. Mah,  Mamma ooh oo, proprio non riesco a pensare a una Wide che debba sorridere più di quanto non faccia con le sue nane  e con Obi. Ad una wide che va avanti come un soldatino a combattere la sua battaglia. Ad una wide che continua a scrivere qui a tutti noi e ad essere, per tutti noi, un esempio per le nostre vite noiose che si perdono in nullità.
    Per questo lei è sempre nei nostri pensieri, anche quando  le  rispondiamo solo con il pensiero, con un affetto così grande che lei non può sapere. Vai, Wide, sorridi quando puoi, urla e arrabbiati quando vuoi. Nessuno potrà mai, a te, dire nulla.  Tutti possiamo  solo ringraziarti. Renza

  13. e noi siamo qui, più o meno silenziosamente, a pregare, ciascuno a suo modo, per te.
    Sono un po' sensitiva e sento fortemente che tutto alla fine  andrà bene , che tu avrai tempo e tempi migliori. Un abbraccio.
    diana

  14. che rabbia, che cazzo non è commentabile un cancro così che non lo smuovi neanche con il lanciafiamme!!!! speriamo che con le nuove analisi scoprano un punto debole, una falla, una debolezza di questo mostro e speriamo anche che la ricerca ci aiuti tutte non dico per guarire (ah che bella parola) ma almeno per sopravvivere grazie
    cara wide un abbraccio
    misslaura

  15. Io, da inguaribile ottimista quale sono, sono sicura che ci sarà un farmaco che ancora non hai sperimentato e che sarà decisivo. Tengo le dite incorciate (che un pò di scaramzia non ha mai fatto male a nessuno) e ti mando il 1435° abbraccio di questo post.
    ciao
    Vale

  16. @tutti: siete molto cari. abbiamo passato un finesettimana di recupero e tutto sommato sembra che abbiamo recuperato un po' di forze. adesso ripartiamo a reperire informazioni, appuntamenti, procedure, etc etc. state tranquilli, non mollo, non molliamo, ma ogni abbraccetto mi fa bene e ogni parola è veramente di sostegno. non so se gli altri lo possono capire quando meno soli ci si sente a riaprire questa pagina e a trovarvi tutti qui. ma voi lo sapete, vero? e dunque grazie veramente a ognuno di voi.

  17. Si potesse non limitarci agli abbracci… tu sentissi come mi sento inutile a scriverti ogni volta un abbraccio, perché vorrei con ogni pensiero e abbraccio che ti mando poter buttare un missilino su una cellula cattiva, purtroppo a parte questo non so fare nulla, e quindi mi limito ad abbracciarti ancora e ancora.

  18. Non puoi fare così, io rimango lontana per 4 giorni e tu mi combini 'sto casino! Bisogna sempre guardarti a vista, non ti si può lasciare sola un attimo…
    Dai, adesso mi è passata ti voglio tantissimo bene, però tu non puoi fare così…

  19. @tutti: ci sono, ci sono, eh? è che non ho ancora avuto novità sostanziali in merito agli esami (cioè a quando devo farli). l'umore è altalenante, ma tutto sommato, va bene. e poi oggi è martedi grasso e io ho inviato un po' di nanine in maschera a casa, bello!

  20. Wide, tu non sai quante volte ho aperto il riguadro dei commenti e poi l'ho richiuso senza scrivere nulla… a volte i miei non detti erano rabbiosi, altri intristiti, altri ancora non erano e basta.
    Oggi ho deciso che i non detti diventano detti e scritti: scritti per lasciarti l'abbraccio che volevo darti il primo giorno, il sorriso che mi ha dato leggere della festa per nane in maschera che darai oggi, la sensazione che non-so-perchè-ma-è-positiva (che allora speriamo di essere diventate sensitive tutto d'un botto! ).
    Un altro abbraccio
    Raffa

  21. Ciao,
    ti leggo da un pò ed è la prima volta che scrivo per dirti che sei una persona fantastica e "puoi e devi" pensare positivo!!!!
    Saluti.
    Gea.

  22. Ultimamente, dopo un periodo di notte profonda da cui pensavo di non uscire, mi stanno succedendo tante cose positive e belle, compreso un nuovo farmaco da poco scoperto che mi ha rimessa in piedi… auguro lo stesso, di cuore, anche a te e ti penso tanto, anche se non ti conosco se non dai tuoi post, sperando che pensandoti tutta questa positività che al momento mi travolge arrivi dritta anche a te, accetterei davvero di essere felice la metà per dare l'altra metà a TE.

  23. Io non so davvero cosa scrivere. Sono senza parole. Però ci sono, e mi unisco agli altri con un abbraccio forte forte.

    E che bello che dev'essere stato avere tante nanine mascherate in casa oggi 🙂 

  24. Ecco, in effetti non vedo l'ora che quello qui sotto nasca per poter tornare a mascherarmi senza pensieri per il carnevale!

    [ci sono novità]

    Ti si aspetta!

    Bacini!

    OrsALè

  25. Che rabbia.Che nervoso.
    Ti mando un abbraccio gigantesco, per quanto può servire, e all'abbraccio destinato a te aggiungo una miriade di insulti e maledizioni rivolti a quell'odioso tumore!Spero tanto che tu riesca a dargli il benservito nonostante il momento difficile e la tac un po' così..
    Forza Wide!!!!!!!!!!!!!!
    Giulia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...