Tutta invidia

Che poi fanno pure colore questi vecchiacci 150enni in sala terapia, questo misto di malattia, autocompassione e perfida ironia tutta romana. Queste urla ai cellulari a figli, mogli, mariti, nipoti che non capiscono mai una cippa e i vecchi a urlare ancora più forte. Le richieste di accendere la tv a palla su forum o altre amenità del palinsesto mattiniero. Il burraco in gruppi di due o quattro attorno a un tavolino di plastica, che invece del quartino si fanno le loro belle bocce di chemio. Come me. Che ho 130 anni almeno meno di loro. Io tutto questo posso anche tollerarlo. E poi ho le mie brave playlist a palla nelle orecchie (graziegraziegrazie).
Ma quando cominciano a declamare versi dozzinali per papà e mamme (a loro volta morti 350anni fa) e si applaudono a vicenda e, a voce sempre più alta, buttano là brutte poesie con lo sguardo vitreo e concentrato, ecco a me mi sale una depressione violenta che meno male che sono attaccata ai tubi. Meno male che posso scriverlo qua. Perché non é un bel sentimento questa invidia per i loro anni che io non avrò. E peró la poesiaccia in chemioterapia, dai, proprio non me la merito. Ci vuole un po’ di pietà anche per noi “giovani malati”.
Alziamo il volume della playlist, va’, che è meglio…

Annunci

26 thoughts on “Tutta invidia

  1. Ti ho nel cuore Wide cara e ti penso costantemente.
    Non ti dico di pazientare, perchè anch’io inizio ad averne piene le tasche di questo verbo.
    Ti dico vola via con la tua musica e i tuoi sogni … vola via da tutto e da tutti quando arrivi tra le nuvole “cicciotte” bianche che sembrano zucchero filato e dovessi vedere qualcuno sdraiato che se la dorme con un fiore in bocca vieni pure sono io che sto facendo training al riguardo …
    Nella guarigione
    B.

  2. che poi ci arrivi anche tu eh?! mica credere il contrario! vedrai che festa per i tuoi 150 anni, meglio di quella per i 150 dell’unità d’Italia!
    però un bel “mo basta” a pieni polmoni ci starebbe!
    un abbraccio, tigli&gelsominO

  3. Wide nessuno sa che cosa accadrà, cerca di non pensare a nulla e di vivere il presente, alzando si il volume. Così non li senti e il tempo passa prima. Un forte abbraccio

  4. Ps lo so che è difficile (non pensare a nulla e vivere il presente intendo) ma credo sia la tua più importante fonte di luce al momento, e il futuro si vedrà..

  5. …..la musica in cuffiette è un gran alleato e toccasana, in molte occasioni!
    Io la usavo come “anti-suocera”: il sistema è sempre quello, ovviamente: alzare a palla il volume, parole crociate alla mano oppure chiudere gli occhi, tentando la fuga da fiumi di parole. Qualche volta ha funzionato…..(?!)
    Bacio carissima

  6. Ti seguo sempre in silenzio, perché ho sempre paura di essere fuori luogo. Sei sempre così forte, così razionale, così brava. Ma oggi mi sento di dirti, anzi di urlarti come farei con una persona cara (come ti considero senza averti mai vista né averti mai parlato, nemmeno virtualmente!). Non puoi neanche vagamente pensare di provare “invidia per i loro anni che tu non avrai”!
    PERCHE’ LI AVRAI! Hai capito?
    LI AVRAI! E solo questo devi pensare. Hai capito?
    Pensa al TUO futuro, pensaci, insisti a fare programmi! Non farti influenzare dai vecchiacci, perché a una certa età si diventa inevitabilmente egoisti e non si aspetta che di riversare sugli altri l’INVIDIA per chi di anni ne ha di meno!
    Non ti far confondere le idee, mantieni chiaro l’obiettivo e non scoraggiarti!
    Sì, lo so! Sembro pazza, ma non lo sono davvero, sai?
    Un abbraccio sincero

  7. Capita spesso anche a me di guardare qualche “vecchietto” lamentarsi per sciocchezze e invidiarlo per l’età che ha.. Invidiarlo, sì!
    Serve a poco, mi fa sentire poco rispettosa perchè mi hanno insegnato che l’anzianità va sempre rispettata. Che spesso l’anzianità è sinonimo di saggezza.
    Questo razionalmente, POI, la pancia grida.
    Grida che anche tu VUOI lamentarti dei dolori dovuti all’età. Dei giovani che non capiscono, delle mamme che “vogliono passarti davanti” quando sono in fila….
    Grida che anche tu vuoi invecchiare.
    Grida che invecchiare è la cosa più della al mondo.
    Wide, ti leggo sempre e spesso ti penso.
    Penso tu sia semplicemente unica e fantastica nel vivere questa tegola che non hai cercato.
    Penso che tu sia unica e fantastica quando racconti dell’amore per la tua famiglia.
    Penso tu sia unica e fantastica quando racconti, velatamente, i tuoi sogni.
    Lasciarsi andare qualche volta serve.
    A te e a chi ti legge.
    Fa sentire meno sola anche me…con i miei sentimenti non sempre decodificabili.
    E lascia andare i “versi dozzinali”… ce li hai dentro, quelli veri!!!!
    Quindi, musica ALTISSIMA e sogna un’altro viaggio con i tuoi cari!!!
    Altro che ascoltare le banallità circostanti.
    Un abbraccio da cuore a cuore

  8. Ciao Wide,

    mi presento, sono Samanta, ho finito di leggere il blog di AnnastaccatoLisa e ho scoperto il sito Oltre il cancro, ho così deciso di leggere il tuo blog…L’ho letto tutto in pochi giorni.
    Mia mamma proprio in questo momento è all’ospedale per la chemio, tumore alla cervice uterina, è al secondo ciclo, ne manca uno e poi si opererà.
    Non sai come ti ammiro…io in questi mesi sono “morta” ormai lamia vita è ferma, non riesco più a fare nulla, non riesco ad andare avanti con la mia vita, mi sembra un incubo. Ora la mia paura più grande sai qual’è??è che con la risonanza magnetica all’addome-pelvi, che deve fare prima dell’intervento, venga fuori un altro tumori in un altro organo.
    Non so neanche se tu leggerai mai il mio commento…ma volevo solo dirti che sei una grande donna.. continua così…
    vi ammiro, davvero…sono donne come te e Anna Lisa che danno l’esempio..
    continuerò a seguirti….grazie mille!!
    Samanta

  9. Ti leggo da un po’ ti capisco perchè ci sono passata……….io ho avuto un linfoma adesso sono nella fase dei controlli pare tutto proseguire al meglio……………………….!!!Quella frase mi ha messo tristezza “per i loro anni che io non avrò”, devi sforzarti di essere positiva……….li avrai, sei una donna forte, i tuoi post sono carichi di forza!!!!! ti auguro con tutto il cuore di vincere la malattia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Forzaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  10. Senti WIde, a parte che condivido il commento di chi ti ha scritto che per i tuoi 150 anni verra’ fatta una festa piu’ bella di quella dell’Unita’ d’Italia, ma perche’ non metti tutti i tuoi splendidi post in un libro che altri oltre a noi che ti seguiamo sempre possano trovare in librerie fisiche o digitali? Sai quante vite stai allungando tu con i tuoi post? E noi, con i nostri a te, speriamo di addolcire un po’ la tua. Ti voglio bene, MLaura da Arese

  11. @tutti: che poi stanotte riflettevo: mica è colpa loro che mi ammorbano in ospedale. è che io non dovrei essere un’ospite fissa swll’ospedale come sono da quando avevo 34 anni. loro sono nel loro habitat dopo tutto 😉
    grrr
    comunque, per chi si disturba sui miei 150 anni che probabilmente mancherò, forse non conoscete l’intera mia storia, e va bene così, ma in ogni caso non temiate che io possa mancare quell’appuntamento – a cui peraltro non tengo, sarei biliosissima io! – perché ho mancato di forza, energia o sano ottimismo pieno di buon senso.
    baci a todos

  12. Beh, 150 anni non si augurano a nessuno, nemmeno a un nemico! Piuttosto, Wide, che la vita conosca poche di ” quelle mattine stanche, in cui abbiamo smesso di credere e di sperare” … Un abbraccio. Renza

  13. Comunque questa tendenza all’improvvisazione teatrale deve essere trasversale a tutti i reparti di Italia…A me è capitato di assistere basita a una gara di barzellette sconce tra ottantenni, ma, come si suol dire, ognuno ha quel che si merita. Evvai di playlist! Un bacione!

  14. Questo tuo post mi ha riportato alla mente il concorso a “chi é il piu’ malato fra noi” del 1 gennaio 2002, tra i pazienti ricoverati al 9-DL dell’Ospedale Universitario di Ginevra: un grappolo di sfig@ti abbandonati da parenti e personale medico che si ritrovano in quel giorno di festa nel saloncino comune a fare a gara a chi sta peggio. Un passatempo come un altro, insomma.
    Età media: 65-70 anni. E in mezzo io, che ho appena festeggiato i miei 31 anni da ricoverata.
    Stavano li a smenarsela l’un con l’altro, “si, ma io sono anche iperteso”, “si pero’ io ho pure le vertigini” e alla fine si sono girati verso di me e mi hanno guardato incuriositi.
    Beh, ho detto la verità, e la gara l’ho vinta io, dopodiché sono tornata in camera e ho acceso la tele. Purtroppo all’epoca il lettore MP3 non lo avevo ancora.
    Tra parentesi, nessuno di loro mi ha mai piu’ parlato, mi sa che erano invidiosi della mia cartella clinica.
    Sapessero quanto oggi piu’ che mai io invece invidio la loro età, le loro rughe, foss’anche solo la loro cartella clinica…

    Un abbraccio immenso

  15. non importa quanti saranno, i tuoi anni. Non lo sappiamo mai, chi di noi lo sa? il futuro è una speranza per tutti, e proprio perchè è solo una speranza, possiamo metterci dentro cosa vogliamo. Poi la vita deciderà, e il viaggio è destinato a finire per tutti. Ma tu nel tuo tempo hai reso migliori molti di noi, hai dato e ricevuto amore, quello vero, e ti auguro di avere ancora tanto tantissimo tempo per donare te stessa alle tue bimbe e al tuo Obi. Io ho visitato tre giorni fa una ragazza di 28 anni con un tumore alla mammella con metastasi ai polmoni e all’encefalo trattate con RT nel 2006, ancora qui, ancora cazzuta, con ancora qualche arma terapeutica. E sei anni non sono pochi. E qualche cura nuova può sempre arrivare, questo è reale, realissimo. Sono schietta ma so che è meglio non avere paura di tabù nascondendosi dietro a speranze meno raggiungibili.
    E da giovane medico giovane figlia di un giovane ammalato, capisco bene alcune cose che dici, alcuni sentimenti di invidiaumanaeumanosensodiingiustizia.
    ti abbraccio stretta
    -Al.

  16. Non ti dirò che certamente anche tu diventerai una vecchietta, e nemmeno che non lo diventerai. Ma un po’ d’invidia per la normalità di ammalarsi da anziani l’abbiamo provata tutte noi che abbiamo avuto il destino (o sfiga) di essere le gggiovani dei reparti oncologici. E perciò alza il volume, e chiudi la comunicazione quando ti fracassa le scatole doverla sostenere o subire.
    [Non c’entra una cippa, ma per non arrivare sempre in ritardo non è che il tuo amico informatico riesce a far apparire l’opzione di seguire il blog tramite mail?]
    Bacio grande, tesora

  17. Guarda a leggerti girano a me!
    Ma mandali a quel paese, fagli abbassare Forum e invitali a stare un pò zitti.
    Che pensassero un pò che a loro è capitata una fortuna che altri non hanno avuto ( e che nemmeno io avrò) Invecchiare!
    E vaffa….

  18. W la musica, spesso è l’unica compagnia che sia il caso di avere, e parlo come una che spesso ha avuto più dalla musica che dalla gente, come ben sai.
    Un abbraccio forte forte.

  19. Mi sentiiiiiiiiiiiiiiiiii?????????????
    Abbassa solo un secondo la musica, VOLEVOOOOOOOOO MANDARTI UN ABBRACCIONEEEEEEEEEEEEEEEEEEE, spero tu mi abbia sentito, CIAOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!
    4p

  20. Alza il volume, sparati la tua musica. Credo che purtroppo (e forse tranne pochi csi) una certa dose di egoismo salga paurosamente e in modo direttamente proporzionale (se non esponenziale) con l’età. Mi è bastato vedere come quasi calpestavano mio figlio (e spintonavano me) in corriera quando piccolo piccolo mi toccava portarlo a fare le cure per costrastare i disuribi uditivi pur di accapparrarsi un posto… o tutte le volte in cui mi trovo a fare una fila. Figurati lì: essere giovane provoca invidie indipendentemente dal posto in cui si sta.
    Un grosso abbraccio, e buonanotte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...