La speranza e la fiducia

L’altroieri abbiamo ricevuto l’ennesima brutta notizia: la radio al cervelletto ha funzionato, ma nel frattempo è comparsa una nuova lesione al talamo sinistro.
Allegria.
L’altroieri non è stata una buona giornata: ero incazzata nera.
Poi ieri, mentre andavo a fare la chemio, mi è salita dentro un’inspegabile e, se vogliamo dirla tutta, ingiustificata onda di fiducia profonda. Molto forte.
Tutto ieri ci ho pensato, e credo di aver capito una cosa. Abbiamo bisogno di abbandonare un certo modello di speranza, perché molto semplicemente non fa più per noi. Ovvero: non guarirò dal cancro – e questo si sapeva – ma non riceverò più neanche buone notizie di quelle tradizionali che ci aspettiamo sempre (riduzioni, stabilizzazioni). Al massimo, dobbiamo sperare in brutte notizie, ma diluite il più possibile nel tempo. Questa realtà dobbiamo guardarla in faccia, prenderne le
misure e contenere la paura che può generare a volte. La paura è ammessa, ma non è ammesso che paralizzi i nostri desideri di felicità, che sono forti e saldi come sempre.
E questo per quanto riguarda la speranza.
Però mi sono illuminata sul sentimento di fiducia che ho sentito così chiaramente ieri, quell’onda che mi è salita dentro con forza ed energia: la fiducia che andrà tutto bene e che la vita si prende e si prenderà cura di sé, proprio come ho letto spesso negli ultimi anni.
È vero.
E da ieri ne sono ancora più convinta.
….
….
….
A meno che il talamo sinistro non abbia qualche responsabilità, autonoma
dalla mia volontà, nella produzione di pensieri e sentimenti che mi fanno così tanto bene.
Ma allora: ben venga.

Annunci

54 thoughts on “La speranza e la fiducia

  1. Chissà se è davvero “colpa” del talamo… La verità e che ci sono momenti in cui la vita si sente così forte dentro che riesce a darti una spinta in avanti anche nei momenti più difficili. Per fortuna. E chissà che questa spinta interiore non si rifletta positivamente anche sulla parte fisica del tuo organismo. Io ci voglio credere. Voglio avere tanta fiducia.
    E poi, come al solito, mi colpisci e vai dritta al cuore con la forza lucida delle tue parole.
    E ti penso in ogni istante. Un abbraccio, cara amica bella.

  2. io non so esprimere quale forza e chiarezza di pensiero hai, che io, evidentemente più sana nel corpo ma non nello spirito non ho minimamente…! Sei davvero grande.
    Mi suggerisci qualcuna delle letture che ti hanno aiutato sulla fiducia nella vita?
    Grazie per quello che condividi e un abbraccio.

  3. In queste tue parole, come in tutte quelle scritte negli anni scorsi, c’è sempre la “solita” Wide.
    Non darei alcun merito al talamo (nella mia ignoranza ho scopeto solo ora che esistesse).
    Un grosso bacio (e l’augurio che mentre “diluiscono” le brutte notizie ne arrivi una positiva che le spazzi via tutte).

  4. In un momento di massimo sconforto per le notizie ricevute ho avuto anch’io in passato questa sensazione di fiducia, che fa star bene e dà serenità, la sensazione di osservare le cose da una prospettiva diversa, più ampia, e per questo ricca di benessere.
    Un abbraccio pieno di amore, cara wide, per far perdurare a lungo queste tue sensazioni

  5. Lasci senza parole, come sempre, per la tua lucida e meravigliosa umanità …coltivata sicuramente con fatica e dolore, ma che porta splendidi frutti. Sei speciale, il talamo non c’entra.
    Un abbraccio pieno di fiducia e speranza

  6. Ecco, io quando leggo queste cose…mi si riempie il cuore di canzoni, ti stringerei forte forte per farti sentire tutta l’amicizia che provo perte.
    Ecco, quando io leggo queste cose..sono felice, sentire la tua serernità scalda il cuore e l’anima, fa sorridere .Brava amica mia, continua così e ne avrai solamente del bene

  7. Sei la donna più meravigliosamente forte e saggia che conosco.
    E il talamo non c’entra tu sei così e basta. Ti voglio un gran bene e non sai quanto pregherò per la tua nuova fiducia e la tua nuova speranza. Con il mio sempre più grande affetto ti abbraccio

  8. E’ sempre più bello leggerti. Farai la radio anche al talamo e se ha funzionato al cervelletto funzionerà anche che lì. C’è caso che tu riesca veramente a tenere a bada la bestiaccia per lungo tempo, per tutto il tempo.
    Ciao!

  9. Dalle tue parole così dirette e terrbilemente vere, si capisce che stai cogliendo la vera essenzialità della vita…Questa fiducia che va oltre la difficile realtà ti condurrà lontano!
    Un abbraccio con gratidudine per quello che riesci a donare con i tuoi pensieri tramutati in parole..!
    Patrizia VR

  10. questo tuo pensiero sarebbe da stampare ed incorniciare. tenerlo ben in vista, per poterlo leggere e rileggere.
    grazie per averlo condiviso.

  11. Ti leggo da tanto, “passo a trovarti” tutti i giorni, ma commento pochissimo perché quasi sempre di fronte alle tue parole così lucide, profonde e ferocemente acute io mi sento piccola e banale.
    Però questa volta non posso farne a meno. Io e te non ci siamo mai incontrate, non ci siamo mai parlate, eppure io sento per te una stima e un affetto (se me lo permetti) profondi e intensissimi. Credo di essere anche io una persona un pochino mogliore da quando ti leggo. E volevo dirtelo.
    Ti penso tanto, ti penso forte. E lo faccio con il sorriso.

    Un abbraccio,
    Eleonora da Torino

  12. Credo proprio, da profana, che il talamo c’entri ben poco con quello che in realtà è la Tua determinazione e la Tua forza d’animo.
    Io comunque spero in buone notizie, magari sì, diluite nel tempo, ma pur sempre buone…..
    Un abbraccio con amicizia e stima

  13. Meravigliosa ragazza. La forza della lucidità, di guardare le cose in faccia. E di non perdere la fiducia, che non è illusione nè inganno, ma sguardo aperto e limpido sul futuro, per continuare a vivere con intensità e consapevolezza tutti i momenti del presente. Un abbraccio.

  14. Qualunque cosa sia stata a farti generare questo stato d’animo mi ricorda tanto il mio, quando avevo un paio di metastasi nel fegato ed ero convinta di averle fatte sparire con la forza della mente. In realtà c’é voluta chirurgia e chemio, ma quella mia euforica certezza sono sicura che mi abbia dato una mano. Come la darà a te questa che chiami fiducia immotivata. Bacio, amica super

  15. …tu lo sai, vero, che quello che scrivi aiuta anche chi il cancro non ce l’ha? perché alla fine siamo tutti temporanei, su questa terra, e questa cosa quando ci pensi fa paura a tutti.
    Grazie, un abbraccio e sappi – lo so che lo sai, ma secondo me fa sempre benne sentirselo ripetere 🙂 – che non sei sola.
    Betta (che era seduta in mezzo ai tuoi piedi, un bel po’ di tempo fa, alla presentazione del libro di Giorgia da Koob e ti legge in silenzio da allora)

  16. “onda di fiducia profonda, speranza, desiderio di felicità, forza ed energia, brutte notizie diluite nel tempo…”, che dire di più? Queste frasi vanno inquadrate per poterle rileggere tutti i giorni!
    Grazie!
    Un abbraccio
    olga

  17. Mi hai fatto venire in mente un frammento di una canzone del Liga “…e la vita è ancor più forte…”, che mi sono sparata in quantità industriali quando facevo la chemio…non è il talamo, o al massimo lo è nella misura in cui gli ricordi che sei qui, e continuerai ad esserci…
    Un abbraccio
    Cecilia

  18. Continuo a ritornare a questo tuo meraviglioso post e ai commenti, cercando qualcosa da dirti che possa in qualche modo ricambiare quello che tu dai a noi. Ma proprio non mi sento all’altezza, spero che ti basti e ti sia di conforto sapere che il tuo viaggio sta lasciando tracce che rimarranno molto, molto a lungo, e indicano e indicheranno la strada a moltissime altre persone.

  19. A letto, ancora con la febbre, ripensando alla nottata nera che ho appena passato, davvero “negativa” tra dolori e malumori, leggere queste tue parole mi hanno fatto piangere. Ti pensavo tanto in questi giorni e mi chiedevo quanta fosse la forza che hai tu, che ha Obi nello stare dietro alle pupattole, e la forza delle pupattole stesse.

    Ci “resterò sotto” ancora per un pò, è inutile che finga. Sai anche tu che barcollare nel buio di non sapere cosa diamine si ha è pesante.

    Però sei davvero un faro Wide, o se preferisci una fiammella in questo buio: preziosa luce di positività che non viene mangiata dal buio.

    Ti voglio bene…

  20. Cara Wide prenderò il tuo post lp stamperó e lo attaccheró al mio frigo in cucina per leggerlo ogni giorno ed ogni volta che non saró capace di dare il giusto senso alla vita…..e tu sei capace di coglierne il vero significato. sei davvero
    speciale…un essere davvero speciale. ti abbraccio con affetto samanta rieti

  21. E allora cavalchiamola quest’onda Wide, mi permetto il plurale perchè sei contagiosa, perchè sai farci sentire insieme a te, sai farci essere nei tuoi pensieri e nella tua vita. Ti vogliamo bene in tanti e mi auguro che sia quest’onda d’amore a travolgerti e chissà….. magari….. un giorno….. tutto questo bene verrà anche ascoltato…… ed esaudito. Roberta

  22. Il più possibile del tempo, il più fiducioso e ricco di speranza lo porto nel mio cuore per te.
    Non è il talamo, ma è la grande forza che c’è in te, quella immensa volontà che ha costruito intorno a te una fortezza inespugnabile, le tue armi non feriscono ma arricchiscono tutta la positività possibile.
    Ti voglio tanto bene amica virtuale.
    Fourpi

  23. Ho visto per caso il tuo post. Inizialmente
    l’immagine di quel mare turchese sul
    tuo blog ha attirato la mia attenzione.
    Poi ho letto la tua storia. La forza e la
    bellezza della tua interiorità, alimentano
    giorno dopo giorno tutto il positivo che
    c’è in te e questo è molto importante.
    Davvero importante.
    Un sincero abbraccio, Lori.

  24. cara Wide, come ripetono nel film “marigold hotel”: alla fine tutto andrà bene e se non va tutto bene vuol dire che non è ancora la fine. Credo che dovremmo adottarlo come slogan delle tumorate….
    un abbraccio
    gio.co

  25. E come si fa a scrivere un commento a questo post?
    E come si fa a non scrivere un commento a questo post?
    è da stanotte che ci penso…
    ti è stato detto tutto……
    tu hai detto tutto….

    un “ti voglio bene” è poco?
    Forse sì……
    ma è tutto quello che ho per starti vicina
    ogni mattino al mio risveglio
    ed ogni notte quando mi addormento…..
    sperando che tu lo senta…
    almeno un poco……
    tra i tanti “ti voglio bene” che ricevi….
    ogni mattina….
    ed ogni notte….

    Ciao

    A.C.sottolestelledejazz

  26. La fiducia è sempre complementare alla speranza e ai suoi paradigmi.
    Congiuntamente a una grande personalità, il raggiungimento degli obbiettivi è certo, se non scontato.
    Credici, perchè noi ne siamo tutti convinti,
    un caro saluto

  27. Sei una persona con una spiritualità fortissima che affronta le notizie difficili sintonizzandosi in modo ancora più forte e intenso con le onde trasmesse dalla vita, la cui essenza e significato è già tuo, è già dentro di te. Forza!!!

  28. ti penso e ti sono vicina, sempre più convinta che tu – questo spazio, il tuo percorso, il tuo coraggio vero nell’ammettere che a volte si ha anche paura – sia una delle persone più belle che Mr C. mi ha portato a conoscere, virtualmente e non, negli ultimi due anni e passa.
    io non ce la farò a leggere il libro di anna lisa, non adesso, ma mi porterò nel cuore quello che ne hai scritto tu.

  29. Pingback: La speranza e la fiducia | Oltreilcancro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...