Confini

Oggi sono particolarmente compulsiva. Ma è perché sono nervosa per un ginocchio disastrato, perché domani ho la chemio, perché non riesco a fare quello che vorrei, per il cortisone? O sono semplicemente compulsiva e il resto tutte scuse per fare quello che mi pare?

Alcuni giorni sono particolarmente a terra fisicamente, non riesco a fare niente. Ma siamo sicuri che sono le terapie? O, molto semplicemente, sono pigra?

Faccio sempre più fatica ad uscire di casa, andare a casa di altri o proprio uscire. Ma è una conseguenza naturale della vita sempre più segregata che conduco o è una deriva del mio carattere orsifero e approfitto del cancro per fare un po’ come voglio?

Qual è il confine tra quello che sono e quello che, fuori dal mio controllo, accade perché la mia vita è diventata un miscuglio di esigenze esclusive, fastidi fastidiosissimi, e il terrore puro di cadere, farmi male, ammalarmi, sottrarre energie alla cura, etc. etc.?

Ovviamente capirlo non ha importanza, le cose stanno così come sono. I confini si allargano come il mio punto vita e sapere perché o per come non fa nessuna differenza. Ma il confine tra ciò che è accettabile del proprio comportamento e ciò che non lo è, è molto legato alle relazioni che intessiamo e alle persone che ci restano vicine nella malattia. Quanto loro hanno voglia e capacità di tollerare questa marea di difetti nuovi nostri e quanta voglia abbiamo noi di accettare le numerose inadeguatezze loro. Il mio cancro, l’ho detto fin troppo spesso, ha fatto un gran casino di questi confini e delle relazioni che avevo, con sorprese belle e brutte: amici persi, amici rinforzati, amici nuovi e inaspettati.

Cosa resta allora? Che oggi sono compulsiva e pigra insieme e non porterò Lilla a nuoto perché mi fa male il ginocchio. Che domani comincerò il terzo ciclo della nuova chemioterapia. E che sembra che questa abbia funzionato nell’ultimo mese e voglio credere che continuerà a farlo nel prossimo.
Del resto, il confine tra la fiducia e la cura è davvero l’unico che non conta per niente.

Annunci

34 thoughts on “Confini

  1. Sei molto lucida, come sempre. E coraggiosa, come sempre. Ma fermati un passo prima di diventare spietata con te stessa, nel cercare l’assoluta verità. Sfuma qualcosa, fai un passo indietro per vedere meglio il quadro. Se vai troppo vicino non connetti i dettagli e perdi l’insieme. Che nel tuo caso è armonioso, buono e bellissimo.

  2. io credo che alla fine di tutta questa situazione diventerò autistica o mi ritirerò sul cima di una montagna da sola, come un monaco in meditazione…che ci sarà poi da meditare non si sa, ma tant’è…

  3. Alla fine di questo post mi rimane in testa una sola cosa, cioè che questa chemio sta funzionando…e voglio credere insieme a te che continuerà a funzionare, anzi lo credo già!
    Un abbraccio caldo e speranzoso
    Samantha

  4. Anche io voglio fermarmi su un particolare mica da poco e cioè che questa chemio sta funzionando, perchè per il resto, credimi Wide, le giornate compulsive in cui vorresti far tutto e manco ti trascini da una stanza all’altra ci sono per tutti e a maggior ragione per chi la propria vita l’ha vista rivoltata sottosopra senza nemmeno la possibilità di scelta.
    Un abbraccione
    Natalina

  5. Ed io ti auguro che funzioni anche questo ciclo di chemio e aggiungo che capita a tutti di oscillare tra voglia di fare (almeno nelle intenzioni ;-)) e attacchi di pigrizia acuta…
    Ciao!

  6. Non ti concedi neanche il lusso di crearti delle scuse, degli alibi che pure chiunque altro troverebbe assai comprensibili? Sopportiamo spesso mancanze e malumori di chi scuse non ne ha alcuna… Lotta come sai ma concediti quell’abbraccio interiore che ti spetta e che meriti. Quanto alla terapia e alle tue sensazioni positive me (te) l’auguro dal profondo del cuore

  7. lascia da parte il pensiero che sia la pigrizia, e concediti la stanchezza fisica e mentale che sopporti con coraggio e ilarità da tanto tempo. sempre in bocca al lupo x oggi!!

  8. Nel pieno delle terapie mi sono spesso arrovvellata sugli stessi dubbi. Capire mi sembrava importante perché come sapere altrimenti se insistere, farsi forza, reagire o lasciar andare, mollare, assecondare?
    E poi in alcuni barlumi di serenità mi accorgevo che davvero capire non aveva senso, che dovevo assecondare il più possibile le esigenze man mano che nascevano perché il più delle volte non erano scuse, ma il semplice bisogno di tregua. Si vive bene anche senza andare in piscina, e questo lo dico anche a me che da mesi mi dico che il nuoto fa bene ma ancora non mi sento di iscrivere issa, solo pensando alla fatica che ci sta dietro..
    Piena e completa fiducia :*

  9. il confine te lo mostrano le persone che amandoti rimangono schiette con te, sempre. Ma alcune volte non serve cercarlo, non subito, non immediatamente. Per esperienza diretta so che il cortisone rende furax, tu hai anche tutto il resto. Ma il fatto che la chemio sembri andare, quello merita fiducia, senza se e senza ma. Un abbraccione e baciotti a profusione.

  10. Letto solo oggi, questo vuol dire che hai già incominciato la chemio. Auguriamoci che vada bene anche questa. E poi guarda …. se anche approfitti un pò del cancro per fare quello che vuoi … eccheccavolo, chi se ne frega? Bacio

  11. Il carattere orsifero non l’ ho mai avuto e le mie battaglie sono poca cosa in confronto alle vostre, ma ti dirò, sono un paio d’ anni che sto bene rintanata pure io, e mi rendo conto che forse è quello di cui ho bisogno. Quindi va bene così e vai con il terzo ciclo.

  12. intanto, la chemio ha fatto il suo porco lavoro. il resto… magari chiarire quei dubbi non conta nemmeno così tanto, sai? tu piaci così a chi ti vuole bene. a volte di più, magari, a volte di meno, ma è così sempre, cancro o carattere che sia. l’importante è che la chemio stia funzionando. oh.

  13. Un’analisi profonda.
    Ogni singola parola arriva dritta nella mia mente e si apre, sboccia, assume colori e forme diverse, in tutti i suoi significati.
    “le cose stanno così come sono”.
    “il confine tra la fiducia e la cura è davvero l’unico che non conta per niente”,
    ” IL 3 CICLO DELLA NUOVA CHEMIOTERAPIA PARE ABBIA FUNZIONATO NELL’ULTIMO
    MESE”…………
    Fourpi

  14. Ciao Wide, buonanotte e buon domenica. Nevica già dalle tue parti? qui al nord si aspetta, ma che barba questo inverno infinito! Ti spero al meglio possibile, vicina a chi ti vuol bene.

  15. Tutti a nanna in attesa della neve.
    Sul cucuzzolo della montagna con la neve alta cosiiiiiiiiiii con ai piedi un paio di scisci, sciator ripete il ventooooooooooooooooooooooooooooooo
    Baci Fourpi

  16. Dove sei WIde? Non scrivi da 17 giorni, e qui siamo tutte (chissà perchè, davvero, quasi TUTTE e non TUTTI) un po’ in attesa.. Come va? Il palletico (terminologia toscana per “compulsiva”) è diminuto? La “uallera” calata? Ti vogliamo bene e ti pensiamo. Malu da Arese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...