Domenica

Prendete a scelta:

una wide che si sveglia finalmente con rientro di energie dopo due funesti giorni di crollo post chemio;

la medesima wide che dopo poco si casca addosso dentro casa e si fa molto male alla schiena e non è temporaneamente (speriamo) in grado di camminare;

una Nina che per compito deve descrivere sua madre e si vergogna, ridendo crudelmente come fanno i nani, di scrivere che c’ha la madre pelata, paffuta e sciatta.

Ecco avrete gli ingredienti della mia domenica. E siamo solo a mezzogiorno.

Annunci

36 thoughts on “Domenica

  1. la Nina non avrà difficoltà a descriverti, sei favolosa, una vera mamma. Al massimo ora vuole punzecchiarti un po’, carognetta. 🙂 fossi tua figlia io avrei scritto così “la mia mamma ha gli occhi belli che ridono, che portano il bello dove il suo sguardo si posa”, Mi dispiace per la caduta…. spero che tu sia in grado di camminare presto, ora cerca di non strafare…. baciotti, anche sulla schiena dolente

  2. E’ una bella sfida quella che ci si propone, a te e a noi, Wide cara. Una sfida a trovare qualcosa di buono dove puntellare smaltimento di chemio, schiena a pezzi, deambulazione ko ed evidente rabbia e dolore della bambina, mascherata da scherno, così tanto per sopportare. Credo che a puntellare, anzi a sorreggere con forza potente saranno ancora una volta le tue risorse interiori, che bastano a te e a tutti quelli che ti circondano con amore. Non farti impressionare da un momentaneo cedimento, di gambe e di umore, sarai pur umana anche tu, credo. Ma una tempra come la tua riprende in mano la situazione di sicuro. Un abbraccio con vero affetto, anche se non ti conosco di persona, anche se siamo fisicamente lontane. E sì, lo dico lo stesso: buona domenica.

  3. tua figlia può essere fiera di avere una mamma forte, che non si arrende di fronte a nulla, che nonostante tutto continua ad alzarsi la mattina con la voglia di cucinarle i biscotti, abbracciarla, coccolarla e tutto il resto. Non tutti hanno questa forza in situazioni paragonabili

  4. @soleil: pasciuta e paffuta van bene entrambi 😉
    Grazie!

    @anna maria: sei, siete sempre tutti troppo gentili, ma oggi lo apprezzo particolarmente. Nina che si vergogna poi, hai ragione su tutto, ed è anche sano che confessi ridendo il suo disagio, ci mancherebbe. È che stamattina, dopo la caduta, mi sentivo una vera derelitta 😉

    @giorgia: non mi merito coccole, ma un calcio nel sedere a farmi male anche quando potrei veramente evitarmelo…grrr

    @nano: vero nano, siete perfidi, ma tanto, tanto teneri! Ps. Mi sono alzata, non striscio niente male, tutto sommato…

    @cautelosa: non so quanto efficace, ma sicuramente moooolto riverita e accudita 🙂

    @paleomichi: grazie cara…e non sai, oggi mentre ero dolorante sul divano ti ho pensato, mentre sempre Nina mi ripeteva la differenza tra paleolitico e neolitico 🙂

  5. Wide, Nina non ti vede con i tuoi occhi ma con i suoi. E seppure possa ridere crudele – magari per consentire con te- a lei appari la sua mamma. Bella e accettata com’ è. Sono convinta che sarebbe disposta alla lotta per contrastare che dicesse il contrario. Sono pronta a scommettere con te su questo!

  6. Domenica è sempree domenicaa, si sveglia la citttàààà con le campaneeeeeeee…………………, eh Nina Nina ma come ha fatto a cadere la mamma, forse era in preda a un raptus ginnico da equilibrista!!??!!??
    Dalle un bel bacione da parte mia, ciao bellezza
    4p

  7. Il mese di marzo e’ funesto. L’anno scorso mi sono rotta il piede, tu oggi che cadi…..eliminiamo questo mese dal calendario. La nana, da brava nana, ride ed e’ crudele come tutti i bambini che sono si’ tanto dolci e carini, ma tu sai meglio di me quanto possano essere crudeli. E sono anche convinta che riuscira’ a descrivere la sua mamma bella al di la’ dei baffi e dei capelli mancanti

  8. @renza: ma si, lo so che a Nina vado bene così. Diciamo che oggi l’avvilimento era dovuto soprattutto al pessimo tempismo della caduta+compito antipatico! 🙂

    @4p: mamma wide è una vera rintronata. Sono stata capace di inciampare nelle mie stesse ciabatte. Lascia perde!

    @ziacris: giusto, potrebbe andare peggio…ma per la descrizione non mi preoccupo poco, davvero. A parte il momentaneo avvilimento…

    @mia: per fortuna c’è stato un miglioramento, avevo il terrore si fosse rotto qualcosa, ma ora riesco a camminare strascinandomi…stamane mi ero proprio spaventata!

  9. Wide cara sei seduta? bene ora preparati per una sana risata:
    Metti una corrihard che sa che l’indomani ha amici a pranzo e va a letto alle 5 e 30 del mattino perchè cercando di mettere un po’in ordine prima di andarsene al suddetto letto le capita la scatola delle foto tra le mani e si perde nel tempo che va a ritroso.
    Metti ancora corrihard che “rinco” si alza tardissimo sicura che, tanto, ha tutto sotto controllo perchè si fida dei suoi tre super aiutanti.
    Metti i suddetti tre aiutanti che si perdono in chiacchiere e risate e corrihard che non sa a chi dare i resti, portando decentemente il primo piatto per poi seguire con il secondo e contorno credendoli caldi erano invece diventati freddi, perchè ultimamente la sveltezza/cordinamento non sono proprio le suo migliori doti. Per non parlare della memoria visto che per rimediare al precedente “disastro” decide di ripassare le zucchine in padella per poi dimenticarle sul fuoco e …
    Metti l’amica super che salva il tutto con un ottimo tiramisù, per fortuna portato da lei! E tantanta allegria.
    Metti che alla fine si riceve anche un’email di ringraziamento per l’ottimo pranzo e soprattutto compagnia .
    Metti Wide cara che fenomeni e speciali si nasce e non ci si diventa … metti che noi, come disse qualcuno, “modestamente lo nacquemmo”. ;-))
    Metti la calma della domenica sera … ed i tre super aiutanti che si sono ricordati di esser tali …
    Metti che alla fine è l’affetto di chi ci vuole veramente bene che rende speciale ogni giorno anche le domeniche così.
    Sorrisi, coccole e abbracci caldi caldi … almeno quelli 🙂
    Liefs
    B.

  10. Siamo quasi alla fine della domenica e spero che a quest’ora le cose siano migliorate: che la tua schiena e le tue gambe abbiano ripreso pienamente la loro funzionalità e che Nina abbia svolto un bel compitino, magari spietatamente ricco di “osservazioni” spietate, ma sicuramente pieno di amore vero per la sua mamma super! 😉
    Un abbraccio
    Patrizia VR

    • Cara, siamo a lunedi mattina e sembra che a parte i forti dolori, io riesca a camminare sempre più bradipa, ma almeno in verticale!

      • dice il proverbio: chi va piano, va sano e va lontano…. 😉 Ti auguro una felice giornata, al meglio che puoi. Baciotti
        Patrizia VR

  11. Non sei l’unica capace di inciampare nelle proprie ciabatte. Benvenuta nel club! E anche bradipa va bene, l’importante che non ci siano rotture ( a parte quelle di scatole ). Buona girornata Wide, di cuore

  12. ti dico solo questo: di notte dormo sempre meno a causa del tamox e stamattina dovendo andare a scuola, a 10 km da casa, alle 9, mi sono svegliata…. alle 8,59!!!! aaaghhhhhhh

  13. sai cosa scriverebbero le mie figlie? la mia mamma ha i capelli così, le unghie cosà ma io preferisco le mamme degli altri perchè non gridano e non mi castigano tanto quanto lei. e allora (stendendo un velo pietoso sulle mie capacità genitoriali) metti sugli occhi di Nina le ciabatte incriminate, e fà che ti descriva col cuore, perchè da lì difetti non ne hai. va meglio oggi?

  14. visto che mi hai fatto morire dal ridere, in ritardo ti “consolo” dicendoti che il mio settenne, dopo avermi descritto per compito con toni entusiastici manco fossi una supermamma, ha concluso: e ha un sederone grosso! (notare l’accrescitivo sommato all’aggettivo!)
    Carol

  15. La domenica in sé mi ha sempre portato tanta malinconia… figurati quelle che nascono “storte” sin dal mattino! Quanto ai temi dei propri figli,… raccontano tutto quello che non avremmo mai voglia di far sapere agli altri, sapessi il mio…

  16. come va a 4 giorni di distanza?

    e poi, per dire come anche io fossi una malefica gnoma: a 8 anni, per la festa della mamma, tema: descrivi i motivi per cui vuoi bene a tua mamma.
    [(il temino poi sarebbe servito da spunto per un lavoretto manuale a forma di fiore in cui, a ogni petalo, sarebbe stata associata una delle motivazioni d’amour mammesco)]

    Svolgimento:
    IO NON VOGLIO BENE ALLA MIA MAMMA.

    Il mio fiore aveva petali colorati senza parole.

    (e io, la mia mum-mia, l’adoro).

  17. ufff… leggo solo ora …. Pensa che mia mamma è sempre stata magrissima, ancora oggi che ha 76 anni pesa 42 kg. Al temino a scuola io ero riuscita a scrivere: la mia mamma è come me, ha le braccia lunghe e le cosce grasse !!!! Vedi tu ……
    A breve arriverà ….. una sorpresa …..
    baci

  18. @all: rivelazione della settimana: un sedere ammostato fa molto più male e molto più a lungo delle risate di una nana minuscola che mi vuole bene e lo so. Ahi che maleeeee!
    Baci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...