Presente

Fa tanto caldo, ma per amor di giustizia, non ho intenzione di lamentarmi. Deve far caldo, è estate. Era ora, siamo onesti!
Un cane, da qualche parte, sta abbaiando da ore, sempre più disperato. Forse per il caldo, forse perché vigila un vecchietto collassato. Che ne so. Non so da dove proviene e non posso andare a citofonare in giro. Sto appena in piedi e malissimo e per pochissimo. Ma possibile che ci sia solo io a chiedermi perché?
Questo è un post pieno di cicale dentro. Cicale che sono pensieri faticosi. Faccio parecchia fatica. Ma ho degli ottimi alleati.
E ci sono. Sono qui. Sono presente.
Anche voi. E non fa poi così caldo.

Annunci

53 thoughts on “Presente

  1. ti mando il fresco dell’acqua che alla fine mi ha avuta, il temporale di ieri mattina, tutte le alpi che oggi si vedono così bene.

  2. oggi freschino gradevole in pianura, niente cicale. ma fino all’altro ieri allo sfinimento fino alle 10 di sera. a me piace sentirle cantare, perchè mi fanno sentire partecipe dell’estate, anche se quando potevo andare al mare era tutt’altra cosa. E pensare che mugugnavo se andavo in montagna, in posti meravigliosi come l’Alto Adige. Ci andrei al volo adesso. Adesso che l’estate è bucato che si asciuga mentre ne fai un altro, trovare angurie buone, tanta luce, doccia tiepida, geranietti e lavanda sul balcone, che al tramonto vogliono la loro parte. E cani che abbaiano, hai ragione: anche vicino a me un povero bestiolone simil labrador piange i suoi padroni, che lo hanno preso al canile o forse addirittura raccattato per strada, bravi, bravissimi, forse però sono gli stessi che lo avevano abbandonato: perchè questa è la seconda estate che tagliano la corda per un mese e passa e lui piange uh-uh-uh-….uuuuu. stesso invariabile ritmo. Interrotto solo l mattino verso le nove quando arriva una tizia che ha le chiavi e gli da da mangiare e bere. Gli altri vicini avevano proposto, lo scorso anno, una raccolta firme per allontanamento cane che disturba il sonno a finestre aperte. Non hanno avuto molto successo, e ci mancherebbe, ma in compenso il povero cane è finito ricoverato per sospetta polpetta…lasciamolo abbaiare. forse si dice uggiolare. dopo ferragosto va tutto a posto. così sembrerebbe, ma insomma, stiamo alle apparenze, perchè la sostanza è quel che è.

  3. Presenti, wide. Con te sempre nel pensiero che vinci anche le cicale. faticose produttrici di pensieri molesti. Passeranno questi 40 e rotti gradi ( anche se qui in Pianura padana oggi si respira un po’ ) e tu riprenderai fiato : lo so e lo vogliamo. Tutti. Un abbraccio, ragazza mia.

  4. Ci sei, ci siamo… Anche qui le cicale continuano a cantare, nonostante il temporale di ieri. Ma oggi è diverso lo scenario: brezza gentile, cielo terso e un lago (di Garda) che più blu non si può. E comunque l’unico “calore” che non manca mai, nemmeno d’inverno è l’affetto per te. 😉
    Patrizia VR

  5. Sono li con te e se vuoi porto dei tappi così queste cicale faticose oggi non le ascoltiamo….ti abbraccio a te e ai tuoi alleati!
    Samanta F.

  6. Presente anche io. Noi ieri abbiamo dato con una gradevolissima tromba d’aria, che vedere volare in aria i cassonetti ha un suo perché… Se oggi è più fresco, pensate a noi che ieri abbiamo contribuito. Una carezza leggera, a te e alle cicale.

  7. Presente Wide. Come vedi siamo un piccolo esercito. E se non riesci a camminare scommetto che siamo tutte volontarie per sollevarti e portarti in braccio, o sospingendoti su una sedia a rotelle, ovunque tu voglia. A volte è bello lasciare agli altri la completa cura di sè.. Lasciarsi andare.. E riposare, dormire, sognare con il sottofondo delle cicale. Ti voglio, come tutte qui del resto, bene, e ti penso ogni giorno. Un abbraccio “sostenuto”. Malu da Arese

  8. Presente, anche se non ci conosciamo.
    Ma oggi bando alle timidezze: ti leggo da tempo, da Monza.
    Dove oggi c’è un bel frescolino, che spazza via i brutti pensieri e rende limpida l’aria.
    Che così si vede meglio il buono che abbiamo attorno.
    Ti abbraccio,
    Chiara

  9. A me le cicale dopo un po’, col loro striidire e ronzare amplificato mi stordiscono.
    E’ un suono che mi ricorda tanto la mia infanzia, associata al periodo della colonia.
    Non ero mai contenta di andarci da piccola, ma era così. La colonia dei tranvieri di Milano per ben cinque anni mi ha accolto in queste grandi camerate, dove la malinconia serale si cullava col frinire delle cicale sino a farmi addormentare.
    Annete cara ci sei eccome, presente più che mai e orgogliosa dei tuoi bravi alleati.
    Però dammi retta, a sti pensieri cicalanti ogni tanto quando vuoi, quando puoi e quando ci riesci na’ bella pernacchietta liberatoria.
    Lo so che parlo forse a vanvera ma è il mio modo per dirti che ci sono, e ci sarò sempre.
    Spero che al cagnone qualcuno presti un po’ d’attenzione.
    Baciobacio
    Fourpi

  10. Presente, dalle risaie della pianura padana!!!
    ieri sera ho fatto l’imprudenza di stendere sul balcone lasciando la porta finestra aperta….stanotte qualcuno ( piccolo e ronzante) ha banchettato allegramente………sorpattutto con la mia piccola, sudaticcia grassottella burrosa……….ma si sa, le’state e’ cosi’…ricordiamocela quandoa rrivera’ la nebbia

  11. ma lo sai che qui, tutto sommato, non fa nemmeno molto caldo? sarà perchè nella settimana più torrida dell’anno combinazione eravamo in montagna (a 2000 metri)? 🙂
    Ti abbraccio da lontano, ma un abbraccio fresco!

  12. Ciao..Se fossi li con te andrei io a cercare quel cane..Facendo così ne ho raccolti due a dire il vero..Affamati e assetati di tutto e poi felici finalmente..Ti abbraccio e ti sostengo. Giulia dalle Dolomiti..

  13. ti leggo da tanto ma forse non ti ho mai scritto un messaggio…oggi lo voglio fare…e ti mando un forte abbraccio virtuale! fa caldo…è vero…e come dice la mia nonna di Caserta…”l’adda fà!”…tradotto…Lo deve fare! E’ estate 😉

  14. “Questo è un post pieno di cicale dentro”. Che splendida metafora. C’è tutto un mondo di emozioni dietro.
    Il caldo affatica i pensieri, li rende lenti e appiccicosi come i corpi. E i pensieri quando si è immobili d’estate non andrebbero mai presi veramente sul serio.

  15. Presente Wide, ti leggo da sempre, ma non commento quasi mai. Voglio dirti che passo ogni giorno per una carezza e un bacio e per trasmetterti, per quanto possibile, tanta forza.
    Ti abbraccio
    Sonia di Bologna

  16. Presente anche io, che cerco di combattere il caldo con un po’ di tè verde freddo al bergamotto… te ne posso offrire un bicchiere? 🙂
    Un abbraccio e tutti i miei pensieri positivi,
    Eleonora da Torino

  17. Presente, anch’io accaldata e lamentosa del caldo, desiderosa dell’estate quando non c’è e delle mezze stagioni sempre. Ti abbraccio e mando una brezza fresca a te e alle nane.
    Raffa

  18. Cicale rumorose….prendiamole tutte, e trasformiamole in farfalle. Pensa, ogni battito di ali sarà un piccolo soffio di vento fresco. Poi ci sono i respiri, che anche loro movimentano l’aria. E, infine, ci sono le mani, che si alzano, scattanti come quelle di un bimbo il primo giorno di scuola, per dire ‘Presente!’.
    E te lo dico anche io, Wide, ‘Presente!’. Ci sono, ci siamo tutte, come un esercito di farfalle pronte a portarti un pò di fresco, un pò di pensieri soffiati, un pò di respiri leggeri, e tante mani amiche.
    Piano piano, non bisogna mica avere fretta, soprattutto quando c’è così tanta afa. Piano piano, ci sdraiamo all’ombra, e aspettiamo che faccia un pò più fresco.
    ti mando una sbuffata di aria leggera, sono con te. Lo Siamo tutte. Senti quanto vento che fanno i nostri pensieri, mentre attraversano i cieli d’Italia per arrivare sino a te. Se ti arriva un pò di vento, saprai che siamo noi 🙂
    Un pensiero da Parma! 🙂

  19. PRESENTE eccomi e se il pensiero potesse darti refrigerio sicuramente saresti baciata da un fresco venticello rivitalizzante Un abbraccio tesoro e sempre nei miei pensieri dolce Anna ❤

  20. Anch’io presente… e cerchiamo di pensare solo al presente, così le cicale rumorose lasciano presto il posto ai grilli e alle lucciole, come ora, dalla finestra aperta di casa mia, insieme ad un venticello profumato di bosco…
    Carol

  21. Presente !!!!
    Seppur in questa Roma così atona ed ostile , il caldo rende tutto meno sopportabile.
    Ti offro i miei fedeli anche se silenti pensieri.

  22. @tutti: ci sono, eh, ma – e giuro che non mi sto lamentando 🙂 – questo caldo limita ulteriormente la poca lucidità di cui dispongo! Grazie a tutti del sostegno e delle vostre storie accaldate. Non state in pensiero, se non mi sentite, sarò a sguazzo sotto alla doccia! Baci

  23. Non penso e ti preparo una fetta di tortina, domani cioè fra dieci minuti saranno 58.
    Ti passo un po’ di bagnoschiuma. Ciao amica cara.
    E’ la primissima volta che mi collego con internet da Zanelli, e sei la prima a cui scrivo.
    Fourpi

  24. Ciao Wide! Sono giorni che tutti i miei pensieri sono per te.Il tuo blog, la tua scrittura sono un dono. Tu sei bellissima. Un abbraccio. Giulia

  25. A me le cicale sono sempre state sulle scatole. Mi ricordano solo afa, deserto e fastidio. Ma ascoltarle assieme alleggerisce questo fastidio, e aiuta a concentrarsi su altro.
    Tesoro, ti abbraccio forte.

  26. ps: dal 18 agosto dovrei essere in pianta stabile a casa e come sai sono vicinissima alla Valle d’Aosta, con le sue montagne fresche. Ho posto per voi 4 senza problemi, se il viaggio in macchina è lungo per te, ti vengo a prendere a Caselle (aeroporto TO) …. Pensateci!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...